I finalisti del Premio Prospektiva 1.0 — Prospektiva

I finalisti del Premio letterario Prospektiva 1.0 Il premio letterario Prospektiva 1.0 nato con lo scopo di premiare e pubblicare manoscritti di narrativa e saggistica ha trovato il primo verdetto delle giurie. Dopo una lunga lettura dei tanti testi arrivati sono finalisti del premio nella sezione narrativa i manoscritti: “La mia guerra” di Vittorio Monòpoli; […]

via I finalisti del Premio Prospektiva 1.0 — Prospektiva

Annunci

Contropremio Carver: ultimi 8 giorni per partecipare — Il Giornale Letterario

Contropremio Carver Bando 2016 Quattordicesima edizione Questo premio parrebbe dedicato a Raymond Carver, lo scrittore americano autore anche di “Cattedrale” quel racconto, che ricorderete bene, parlava di un salotto e un invito e di un cieco e di un ricordo. In realtà non è vero. Il premio non è dedicato a Raymond Carver lo […]

via Contropremio Carver: ultimi 8 giorni per partecipare — Il Giornale Letterario

Materiali Resistenti: in libreria Prospektiva 58 (Tra le righe) — Prospektiva

Materiali Resistenti in libreria Esce Materiali Resistenti Prospektiva 58 edito da Tra le righe. Una raccolta di testi e documenti che ruotano intorno alla forza innovativa del carteggio tra Gandhi e Tolstòj. Ma facciamo un passo indietro e torniamo nel laboratorio letterario. C’è molto da scrivere per formare un’enciclopedia di materiali resistenti. Resistenti al vento […]

via Materiali Resistenti: in libreria Prospektiva 58 (Tra le righe) — Prospektiva

Concorso letterario Prospektiva 1.0: c’è tempo fino al 25 aprile — Prospektiva

Articolo 1. Prospektiva 1.0 nasce con lo scopo di premiare manoscritti di narrativa e saggistica. Racconti e saggi per poi parlarne per qualche mese in giro nei Festival letterari organizzati da Prospektiva. Insomma fare rumore sulle scritture in ombra. Articolo 2. Il premio si divide in due sezioni: opere inedite per la narrativa (sia romanzi […]

via Concorso letterario Prospektiva 1.0: c’è tempo fino al 25 aprile — Prospektiva

Premio letterario Prospektiva 1.0 (2016)

prospektiva-1-0-premio-letterario

PROSPEKTIVA 1.0 (Inediti)
Bando 2016 (seconda edizione)

Articolo 1. Prospektiva 1.0 nasce con lo scopo di premiare manoscritti di narrativa e saggistica. Racconti e saggi per poi parlarne per qualche mese in giro nei Festival letterari organizzati da Prospektiva. Insomma fare rumore sulle scritture in ombra.

Articolo 2. Il premio si divide in due sezioni: opere inedite per la narrativa (sia romanzi sia raccolta di racconti); opere inedite di saggistica. Si può partecipare anche con manoscritti differenti e in diverse sezioni. Non vi è limite di lunghezza per i manoscritti presentati.

Articolo 3. I primi di ciascuna sezione riceveranno come premio la pubblicazione con Tra le righe libri. Dunque un romanzo o una raccolta di racconti, e un saggio avranno, ISBN, copertina con bandelle, diffusione e quant’altro fa diventare un manoscritto un libro.
Preferiamo – sia per i saggi sia per le narrazioni – storie, diari, Storia del Novecento italiano, elementi sociali e politici, scelte e coraggio. Insomma vogliamo vedere uscire dalla carta, dal manoscritto, il desiderio di prendere per mano il lettore e portarlo su per nuovi sentieri.

Articolo 4. La scadenza per partecipare è fissata a sabato 25 aprile 2016.

Articolo 5. La premiazione si terrà a Lucca.

Articolo 6. La segreteria dove spedire tutto – (si può anche inviare il materiale via email a prospektiva@libero.it mettendo all’oggetto Premio Prospektiva 1.0) – è sita a Lucca in via Pisana Trav. I, 18 – 55100. Sulla busta basta mettere Premio Prospektiva 1.0.

Articolo 7. Per l’iscrizione (che verrà utilizzata per la promozione delle opere) l’importo è di euro 20,00 da versare su conto postale numero 11507530 intestato a Andrea Giannasi editore, o bancario: IBAN IT 52 F 05034 70130 0000 0000 1154 (Cassa di Risparmio di Lucca, conto intestato a Andrea Giannasi editore).

Articolo 8. La giuria è composta da editor, giornalisti e operatori del settore editoriale coordinati da Andrea Giannasi. Per info scrivete a prospektiva@libero.it

Articolo 9. Il giudizio della giuria è insindacabile

Via si parte.
Buona scrittura.

Ilaria Palomba, Sauro Albisani e Daniela Musini vincono il Contropremio Carver 2015

premio-letterario-carver-2015

E’ una storia di cadute, di talenti sprecati, di ricerca incessante di riconoscimenti, tra ansia e tormenti, il romanzo vincitore della sezione narrativa alla tredicesima edizione del Contropremio Carver. “Homo Homini Virus” di Ilaria Palomba edito da Meridiano Zero.

Racconta la storia di Angelo, che spreca i suoi sogni e professionalità nello spietato mondo del giornalismo, e Iris che cerca redenzione e sacralità nella fraintesa dimensione della body art.

Un romanzo abissale che è cicatrice profonda e che meglio di altri ha saputo raccontare il nostro contemporaneo anelito alla salvezza.

Per la poesia il premio è andato a “Olografie” di Sauro Albisani edito da Passigli. Un lungo viaggio tra studenti raccontati con un linguaggio trasparente e leggero, con fotogrammi sottratti al tempo. Poesie danneggiate che abbandonano percorsi onirici per farsi spigoli di banchi e rotondità, inventando realtà crudeli senza passione, come un reportage nel contemporaneo di una nuova generazione disegnata come nuova vita. Albisani non è una scoperta ma la sua poesia è già oltre lo steccato.
“I 100 piaceri di D’Annunzio” di Daniela Musini (edito da E.Lui) si è aggiudicato la sezione saggistica. Il vate è raccontato tra passioni, fulgori e voluttà in maniera enciclopedica. Ne esce un atlante dannunziano che non è solo ricerca incessante di un piacere leggero, quasi effimero, carnalmente palpabile e annusabile, ma il viaggio in un paese che diventa nazione, patria e che il poeta racconta di corsa.

L’uomo che ha più di ogni altro scritto la storia dei primi trenta anni dell’Italia, diventa a suo modo eroe su aeroplani di tela, tra pagine di libri, nei salotti svenduti di palazzi perduti, tra lenzuola di seta. Amante sublime del bello, D’Annunzio incarna il mito di un paese che si appresta a trascorrere coiti immensi, stati alterati, sconfitte profonde, assurgendo all’essere che il tempo non cancellerà mai.

Eccolo il filo conduttore che ha seguito la giuria del Contropremio Carver 2015, diretta da Andrea Giannasi: “La ricerca della bellezza che è unico momento salvifico delle nostre esistenze. E così Angelo e Iris di Ilaria Palomba sono in realtà gli studenti delle liriche di Sauro Albisani e D’Annunzio colui che spinge al massimo il motore per raggiungere prima la curva, che aprirà nuovi panorami. L’esistenza, veloce e impalpabile, trova unico piacere, unico scopo, nell’anelito del bello che non è solo salvezza, ma assurge al ruolo di risposta alle vite. E così gli studenti sono pietre grezze da scrivere come i corpi che Iris trasforma in arte e D’Annunzio in visione e pulsioni. Premiare libri – conclude Giannasi – è invero un esercizio pericoloso: apre cassetti, spalanca finestre, travolge i portoni facendo irrompere nuovi giannizzeri armati e assetati di un sapere univoco, censorio, banale; sguainando sciabole mozzano parole e rovesciano i tavoli. Albisani, Palomba e Musini devono per questo essere ben custoditi, loro che ci mostrano le vie oltre le curve”.

Appuntamento all’edizione del 2016 – quattordicesima – con nuovi luoghi da scoprire.

Il bando si può trovare qui: http://www.prospektiva.it/bandopremiocarver.htm

I finalisti del contropremio Carver 2015

carver2014-2

La giuria del contropremio Carver coordinata da Andrea Giannasi, dopo una accesa discussione, ha raggiunto un verdetto, quasi unanime, sulle cinquine dei finalisti dell’edizione 2015.

La premiazione si terrà sabato 7 novembre dalle ore 16,30 presso la Cittadella della Musica a Civitavecchia (Roma) nell’ambito dell’ottava edizione del festival letterario “Un mare di lettere”. Evento che rientra tra i festival letterari organizzati da Prospektiva rivista letteraria (Città del libro).

Anche per questa edizione del Carver il criterio cardine per valutare le opere in concorso è stato lo stesso seguito da anni: i giurati leggono i libri e danno un giudizio; oltre il nome dell’autore o della forza o notorietà della casa editrice. Prima di ogni cosa devono essere valutate le storie, lo stile, la capacità dell’autore di saper prendere per mano il lettore e condurlo all’interno del proprio libro.

Per la narrativa sono in finale: Alessandro Genovese con il libro “In equilibrio precario” (Italic Pequod); Alessandro Vizzino con “Trinacrime. Storia di un pentito di mafia” (Imprimatur); Ilaria Palomba con “Homo Homini Virus” (Meridiano Zero); Francesca Gerla con “La testimone” (Homo scrivens); Paolo De Angelis con “Un fiore tra le pietre” (p’artners).

Tra le raccolte di poesia la cinquina è formata da: Sauro Albisani autore di “Orografie” (Passigli); Danilo Breschi con “Cicatrici e altre incarnazioni” (Wip); Alessio Caldini con “Presagio sociale ovvero Disagio d’autore” (Edda); Stefano Serri con “Canzoniere per Marina Cvetaeva” (Manni); Andrea Fiorini con “Il fuoco alimentato dal vento” (Hanrahan il Rosso).

Per la saggistica sono in finale: Maurizio Roccato e il suo saggio “Un delitto senza colpevoli” (Edizioni della Goccia); Chiara Ferrari con “Politica e protesta in musica. Da Cantacronache a Ivano Fossati” (Unicopli); Daniela Musini con “I 100 piaceri di D’Annunzio. Passioni, fulgori e voluttà” (E. Lui editore); Floreana Nativo con “La superstizione dalla Mesopotamia all’Europa tra religione e magia” (Editoriale Programma); Andrea Giansanti con “Settant’anni senza lavoro” (Lampi di stampa).

https://premiocarver.wordpress.com/